RICKEY & DAISY

Accanto ai Collins ed ai Fizzes troviamo i RICKEY’S ed i DAISIES, altre due categorie di cocktail, molto simili alle precedenti per costruzione e codifica, ma con lievi differenze, nei Rickey’s usiamo il lime invece del limone e lo spirito base solitamente è un distillato, inoltre lo zucchero in origine non era presente, oggi è consigliabile aggiungere un po di simple sirup per incontrare i gusti moderni che tendono a prevalere una beva più dolce e rotonda in bocca.

I Daisies hanno caratteristiche simili a quelle di un sour, quindi alcolico, “limonoso” e dolce, ma pretendono l’aggiunta di soda e ci permettono una certa libertà di interpretazione nel vestito e nel ghiaccio, così JT usava “shaved ice”,  Harry Craddock optava per il ghiaccio tritato, il bicchiere poteva essere un highball, una julep cup , o una tazza di peltro, la nota dolce veniva inizialmente resa con un cordiale all’arancia, ma dalla prima metà del ‘900 la granatina ne prese il posto.

Insomma, i Daisies concedono qualche strappo alla regola e ci permettono di giocare un pò con la fantasia, la cosa fondamentale è ricordarsi che un DAISY fatto a regola d’arte deve essere fresco, rinfrescante e guarnito con frutta di stagione.